Seleziona una pagina

Tutti vorrebbero ottenere un posizionamento del brand facile e immediato tramite un’astuta e originale attività di web marketing magari basata su una creative strategy davvero potente.

Avete mai pensato a quanto possa essere utile trasformare i punti deboli dei concorrenti in vostri punti di forza in ottica di maggiore visibilità e aumento delle conversioni?

Rivolgersi ad una qualificata agenzia di comunicazione significa attendersi risultati certi.

Tuttavia, quanto possiamo fare noi stessi per iniziare a porre le giuste e solide basi di partenza per una creative strategy davvero efficace?

La risposta è: tanto.

Partiamo dalla presa di coscienza che per emergere dobbiamo differenziarci.

Ecco allora alcune ottime idee differenzianti sulle quali fondare una creative strategy davvero efficace.

 

  1. Idea differenziante sbagliata #1: rapporto qualità-prezzo

I clienti non sanno fare valutazioni sulla qualità di un prodotto e sul prezzo PRIMA di averlo provato.

Puntare sul dire al mondo che i tuoi prodotti hanno il miglior rapporto qualità prezzo è inutile.

Cerca piuttosto di scegliere un prezzo adeguato, accessibile e, se possibile, offri un primo servizio/prodotto gratuitamente, così che gli stessi consumatori possano toccare con mano il reale buon rapporto qualità-prezzo di quello che offri loro.

 

  1. Idea differenziante sbagliata #2:dai valore al servizio clienti

Il servizio clienti è un’attività che non dovrebbe mai mancare in una creative strategy che si rispetti, visto che consente di verificare la soddisfazione dei clienti DOPO l’acquisto.

Considerato che tutti credano che i propri clienti siano “felici e contenti”, verificare se ciò sia reale o meno è particolarmente potente come idea differenziante.

Da parecchi studi condotti di recente è emerso, ad esempio, che il 40 % dei clienti che dice di non essere soddisfatto del servizio in realtà poi cambia fornitore.

È dalla soddisfazione che nasce la fedeltà al marchio e, grazie al servizio di call center, potrà essere constatata proprio la presenza di soddisfazione o meno nei clienti.

  1. Idea differenziante sbagliata #3:punta sulla pubblicità basata sulla concretezza

Molti imprenditori sono persuasi nel credere che una pubblicità emozionante possa vendere qualsiasi cosa e migliorare le richieste di servizi.

Il cliente medio non acquista solo con l’emozione, ma ha bisogno anche di appagare le sue necessità pratiche. In realtà è attratto dalle pubblicità avvincenti, ma sceglie soluzioni in grado di soddisfare i propri bisogni concreti.

Punta dunque su pubblicità creative ma anche legate alla soddisfazione di desideri umanamente condivisi.

 

  1. Idea differenziante sbagliata #4: punta su quello che conta per il cliente

La maggior parte degli imprenditori commette un errore: quello di non scegliere una creative strategy ad hoc per i bisogni dei consumatori.

Molti titolari di aziende danno importanza ad alcuni elementi che in verità non hanno nessun VALORE REALE per i clienti.

Molti usano proprio questi elementi per differenziarsi, senza accorgersi che sbagliano tattica, la loro strategia è inutile in quanto non fondata sull’empatia e sull’immedesimazione.

In pratica, questi si trovano ad aver speso un sacco di soldi e ad avere comunque una creative strategy di vendita inefficace.

Share This